La Conca di Navigazione di Noventa Padovana: un segno importante di Progettazione e Realizzazione di rilevanti opere ingegneristiche

Nel cuore della regione veneta, precisamente a Noventa Padovana, sorge un’opera di ingegneria che garantisce la navigazione fluviale locale: la Conca di Navigazione. Le opere di manutenzione straordinaria, realizzate in tempi record sotto la progettazione e direzione dei lavori dello Studio Tre di Treviso, sono state condotte con lo scopo di garantire un utile e sicuro passaggio al trasporto turistico della zona.

Studio Tre e scopo del progetto affidato da Regione Veneto

Lo Studio Tre di Treviso è stato incaricato da Regione Veneto di progettare, dirigere i lavori e coordinare la sicurezza per l’ammodernamento ed il potenziamento dell’esistente della Conca di Navigazione. Grazie all’esperienza consolidata nel settore dell’ingegneria civile e idraulica, il team ha condotto l’incarico, rispettando i tempi assegnati.

Gli interventi si inquadrano in un opera di ammodernamento e potenziamento dell’impianto oleodinamico della Conca di Navigazione di Noventa Padovana e dell’adeguamento delle strutture mobili per la gestione dell’impianto di navigazione. Presa conoscenza delle problematiche che interessano la Conca di Navigazione e gli impianti ad essa asserviti, gli indirizzi di progettazione assunti riguardano principalmente: 

• la indispensabile sicurezza idraulica; 

• la necessità di affidabilità delle manovre di intervento e l’operatività futura di ogni componente; 

• la natura e l’aggressività delle acque; 

• la risoluzione di alcune problematiche di degrado delle strutture edili con la previsione di un intervento di risanamento atto a preservare la durabilità delle opere; 

• l’esigenza di contenere, per quanto possibile, i costi di manutenzione e globali di esercizio nel tempo assicurando comunque la massima affidabilità e sicurezza funzionale agli impianti, tutti i manufatti previsti e qui descritti utilizzeranno soluzioni progettuali, tecnologie, materiali e componentistica già sperimentati con successo in altre applicazioni similari di pari o superiore impegno.

Una Realizzazione in tempi record

Ciò che rende davvero particolare l’attività svolta per la Conca di Navigazione di Noventa Padovana è il tempo impiegato per la sua realizzazione. Nonostante la complessità tecnica e logistica del progetto, lo Studio Tre, grazie anche alla valida organizzazione del costruttore incaricato, è riuscito a consegnare e collaudare l’opera in tempi veramente brevi, addirittura ridotti rispetto a quelli inizialmente assegnati.

Alcuni cenni di dettaglio sul progetto e la sua realizzazione

In sede di intervento presso le porte della conca, ai fini di verifica dello stato dei materiali, sono state eseguite le seguenti indagini:

  • analisi chimiche dei materiali, eseguite con uno spettrometro ad emissione ottica su punti rappresentativi della paratoia;
  • durezza dei materiali condotte sugli stessi punti individuati per l’analisi chimica;
  • controllo dell’integrità tramite ultrasuoni delle chiodature;
  • misurazione degli spessori degli elementi principali.

Criticità emerse sull’esistente:

  • parapetti delle passerelle delle porte vinciane con segni di degrado
  • Degrado delle tenute centrali delle porte mobili
  • Assenza di elemento di riscontro centrale
  • Degrado delle soglie di base delle porte vinciane
  • Rottura del perno di supporto della porta vinciana di valle

Il progetto prevede, tra gli altri, i seguenti interventi/attività:

    • nella manutenzione straordinaria delle carpenterie metalliche di cui sono composte le porte a vento con operazioni di sabbiatura e cicli di verniciatura protettivi;
    • riqualificazione funzionale degli apparati oleodinamici con elementi rispondenti ai requisiti di manutenibilità, efficienza e durata;
    • riqualificazione dei sistemi di tenuta delle porte vinciane presso le battute laterali e presso la soglia inferiore e presso le tenute centrali con realizzazione di sistema di tenuta in legno;
    • riqualificazione dei gargami delle panconature di monte e di valle per garantire le operazioni di messa in asciutto della Conca di Navigazione;
    • riqualificazione dei gargami delle porte di monte e di valle per le operazioni di messa in asciutto della Conca di Navigazione;
    • sostituzione della passerella di coronamento delle porte vinciane di monte e di valle mediante la f.p.o. di nuova passerella in acciaio zincato e verniciato con doppio parapetto, battipiede, e lamiera di calpestio in lamiera tipo “mandorlata”;
    • installazione di nuovi n.4 cilindri oleodinamici con carico di +/- 4000 kg corsa 1350 mm;
    • f.p.o. di nuovo perno basculante “a terra”;
    • f.p.o. di nuovo perno di collegamento cilindri “a bordo” porta;
    • installazione di nuovi n.2 cilindri oleodinamici con carico di +/- 2000 kg corsa 1200 mm per movimentazione acquedotti laterali;
    • installazione. di nuova centralina ed impianto oleodinamico con sostituzione pipe-line esistente in materiale non corrodibile.



Al fine di ripristinare il corretto funzionamento delle porte e dei rispettivi organi di tenuta e movimentazione sono stati previsti i seguenti interventi da eseguirsi su tutte le porte.:

    • Messa in asciutto della Conca di Navigazione;
    • Rilievo 3-dimensionale della Conca di Navigazione ed, in particolare, degli allineamenti delle opere civili e delle battute delle porte;
    • Trasporto in officina delle porte per la manutenzione;
    • Rilievo delle geometrie e redazione di elaborati grafici “stato di fatto” che costituiranno il riferimento per tutte le attività successive;
    • Disassemblaggio e controllo integrità dei diversi componenti delle porte vinciane;
    • Rimozione di tutte le tenute esistenti in gomma sintetica e dei relativi piatti premi-tenuta;
    • Rimozione dei piatti metallici di spessoramento utilizzati presso le tenute laterali delle porte mediante taglio meccanico;
    • Rimozione dei piatti metallici di spessoramento utilizzati presso le tenute centrali delle porte e delle superfetazioni realizzate in lamiera mediante taglio meccanico;
    • Rimozione della lamiera scatolata utilizzata presso le battute centrali delle porte mediante taglio meccanico e della trave interna UPN 240;
    • Rimozione della lamiera scatolata utilizzata presso la soglia inferiore di ciascuna delle porte mediante taglio meccanico e dei relativi piatti di spessoramento;
    • Messa a disposizione delle porte vinciane presso l’officina di riparazione per l’esecuzione dei controlli non distruttivi, a carico di ditta “terza” incaricata dalla Stazione Appaltante;
    • Esecuzione di interventi di ripristino e di riparazione all’esito delle prove non distruttive eseguite su Ordine di Servizio della D.LL. ed avvallate da Disposizione di Servizio del R.U.P.;


Questi sono solo alcuni punti del progetto.